Come si sviluppa l’antiestetica pelle a buccia d’arancia

Con il termine cellulite (o pelle a buccia d’arancia) si intende comunemente la formazione di affossamenti nella pelle, che si localizzano principalmente sulle cosce, nella parte superiore delle braccia, sui fianchi e sul sedere. La pelle a buccia d’arancia è un problema che colpisce quasi esclusivamente le donne. Gli uomini sono avvantaggiati dalla differente struttura del tessuto connettivo. In caso di sovrappeso, la cellulite può comparire anche prima del 25esimo anno d’età. Il 90 percento delle donne mature sono afflitte dalle cellulite in misura più o meno grave.

La cellulite è una prerogativa femminile perché il loro tessuto adiposo sottocutaneo e le fibre di collagene – che lo attraversano incolonnate – si gonfiano in funzione delle cicliche variazioni ormonali delle donne. Le fibre di collagene ingrossate rendono visibile lo strato di grasso. La cellulite dipende quindi, fra le altre cose, dagli ormoni. La tesi secondo la quale la causa della pelle a buccia d’arancia sarebbe l’accumulo di sostanze dannose nel tessuto adiposo, é tutt’oggi priva di dimostrazione scientifica.

Approssimativamente si possono individuare tre fasi di sviluppo della cellulite:

  1. Gli affossamenti si vedono solo comprimendo con le dita la zona interessata
  2. Gli affossamenti sono visibili solo quando ci si trova in posizione verticale
  3. Affossamenti visibili anche in posizione orizzontale.

La cellulite non provoca dolore e non limita le funzioni vitali del corpo. É perciò importante sapere che la cellulite non é una malattia ma una modificazione biologica del tessuto connettivo. Il problema con la cellulite é quindi solo di natura estetica. Per la prevenzione e la riduzione della pelle a buccia d’arancia esistono ormai numerosi metodi. Al momento però non esiste un trattamento definitivo (medico o cosmetico) di cui sia dimostrata l’efficacia per la cura della cellulite.

Per combattere la cellulite vengono utilizzati spesso i seguenti metodi:

  • Pressoterapia
  • Linfodrenaggio
  • Attività che stimolano la circolazione come ad es. il movimento fisico, le docce con acqua alternata calda e fredda e i massaggi
  • Alimentazione mirata. Una maggiore assunzione di vitamina C grazie all’interconnessione con le fibre di collagene può portare al rafforzamento del tessuto connettivo. Gli aminoacidi L-arginina e L-glutamina hanno un effetto stimolante sulla circolazione e rafforzano il tessuto muscolare e connettivo, grazie a ciò la pelle appare esteticamente più tesa.
  • Bagni con sale marino
  • Impacchi caldi
  • Crioterapia: per poco tempo, temperature estremamente basse in una vasca fredda
  • Ionoforesi, tramite corrente galvanica

Poiché la cellulite colpisce le strutture profonde della pelle, con l’utilizzo di creme, pomate o altri trattamenti cosmetici non si ottengono i risultati voluti. Tutt’al più, potrebbe verificarsi un miglioramento dovuto al massaggio. Con la liposuzione viene rimosso il grasso ma i tipici affossamenti della pelle a buccia d’arancia rimangono o si ripresentano dopo poco tempo.

Bilancio: la cellulite è un grande problema delle donne. Tuttavia, la terribile pelle a buccia d’arancia si può combattere. Il modo migliore per farlo è combinare l’attività sportiva con i massaggi e con un’alimentazione mirata (ricca di aminoacidi, in modo particolare L-arginina ed L-glutamina).

 

torna alla pagina iniziale